1. PREMESSA
Le Delibere dell’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas (di seguito “AEEG”)
richiamate nel presente contratto sono reperibili sul sito internet
www.autorita.energia.it (di seguito “sito AEEG”). Il presente contratto è
redatto in conformità con il codice di condotta commerciale per la vendita di
energia elettrica e di gas naturale ai clienti finali (di seguito ”CCC”) approvato
con Del. AEEG n. 104/10 (1) ed in conformità con la nota informativa per il
Cliente finale di cui alla Del. AEEG n. 126/04 (2). In caso di conflitto tra le
disposizioni contrattuali contenute nelle Condizioni Particolari di Fornitura (di
seguito “CPF”), nelle presenti Condizioni Generali di Fornitura (di seguito
“CGF”) e nella Richiesta di Fornitura (di seguito “RDF”), prevalgono le prime.
Ogni riferimento contenuto nelle presenti condizioni a disposizioni legislative
e/o regolamentari include, salvo espressa indicazione contraria, successive
modifiche o integrazioni delle stesse (di seguito “s.m.i.”).
2. OGGETTO DEL CONTRATTO
Oggetto del presente Contratto (“Contratto”) è la fornitura di energia elettrica
e la messa a disposizione di potenza, da parte del fornitore It alpower Energia
S.r.l. con sede legale in Via Corsica, 143 – 25125 Brescia (BS) Codice Fiscale e
Partita IVA 03350980987 (di seguito “Fornitore” e/o “Italpower Energia S.r.l.”
e/o ITP), al Cliente, definiti congiuntamente le “Parti” e singolarmente la
“Parte”, presso ciascuno dei siti individuati (di seguito “sito” e/o “siti” e/o
“punto/i di prelievo” e/o “PdP” e/o “POD”), con le modalità indicate ed alle
condizioni in questa sede pattuite. L’energia elettrica e la potenza fornite, ai
sensi del presente Contratto, dovranno essere utilizzate dal Cliente solo ed
esclusivamente in conformità all’uso da costui dichiarato e per alimentare i
propri siti e pertanto l’energia non potrà essere ceduta sotto qualsiasi forma,
anche gratuitamente, a terzi. Formano oggetto del Contratto anche il
mandato gratuito alla stipula, in favore del Fornitore, o di idonei soggetti da
questi individuati, nell’interesse del Cliente, dei contratti di dispacciamento e
trasporto dell’energia elettrica (quest’ultimo valido per i servizi di
trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica), rispettivamente, con
Terna – Rete Elettrica Nazionale S.p.A. – e con il Distributore territorialmente
competente (“distributore”); il Fornitore porrà in essere tutto quanto
necessario ed opportuno a tal fine, in conformità anche a quanto richiesto dai
gestori di rete competenti e regolerà i servizi connessi ai citati contratti di
dispacciamento e trasporto anche in base a quanto previsto dalla delibera
AEEG n. ARG/elt 4/08 (“4/08”) e successive modifiche ed integrazioni. Il
Cliente dichiara di non versare in condizione di sospensione, così come
previsto dalla Del. AEEG n. 4/08, al momento dell’acquisizione da parte del
Fornitore, in caso contrario potendo il Fornitore recedere dal Contratto, con
diritto al rimborso delle spese sostenute e all’eventuale ulteriore risarcimento
del danno. I servizi di cui al Contratto cesseranno alla data di risoluzione e/o
recesso per qualsivoglia causa.
3. DICHIARAZIONI DELLE PARTI
a) Il Cliente dichiara di essere in possesso del numero di partita IVA
regolarmente attribuito dall’Ufficio delle Agenzie dell’Entrate competente e
pertanto ai sensi e per gli effetti dell’articolo 1, comma 30, della legge n.
239/2004, che ha recepito la Direttiva Europea 2003/54/CE, di essere Cliente
Idoneo per i propri siti indicati nel Contratto; b) il Cliente dichiara che l’energia
elettrica acquistata, oggetto del presente Contratto, è destinata
esclusivamente ad alimentare i propri siti; c) il Cliente dichiara che i punti di
prelievo indicati nel Contratto sono già adeguatamente collegati alla rete
elettrica di distribuzione locale; d) il Cliente dichiara di avere manifestato
l’interesse ad approvvigionarsi per il suo intero fabbisogno di energia elettrica
in via esclusiva dal Fornitore che è in grado di soddisfare tale fabbisogno; e) il
Cliente dichiara di non avere obbligazioni insolute relative a precedenti
contratti di fornitura e di essere libero da qualsiasi impegno contrattuale; f) il
Cliente garantisce al Fornitore che, alla data di sottoscrizione del presente
Contratto e comunque alla data di decorrenza della fornitura di energia
elettrica, qualora i siti di fornitura fossero provenienti dal mercato di
salvaguardia, non risultano debiti nei confronti dell’esercente di tale mercato
per i propri siti relativi al presente Contratto. Resta inteso che, il fornitore si
riserva la facoltà di non dar seguito alla richiesta di fornitura e/o revocare la
richiesta di switching nel caso in cui il cliente: a) risulti iscritto nel registro
protesti o soggetto a procedure esecutive o concorsuali in danno; b) risulti
moroso ovvero sospeso per morosità con il precedente fornitore ai sensi della
Del. AEEG n. 4/08 (4) e/o n. 99/11 (5). Nell’ipotesi in cui il Cliente fosse
moroso nei confronti dell’esercente la salvaguardia, fatto salvo il diritto del
Fornitore di risolvere il Contratto per i citati siti o per tutti i siti oggetto del
Contratto, il Cliente provvederà al pagamento integrale delle partite
economiche che potrebbero essere imputate direttamente o indirettamente
al Fornitore ai sensi dell’art.8 della Del. AEEG n.4/08, entro il termine
contrattualmente previsto per il pagamento dei corrispettivi a suo carico o, se
diverso, entro quello previsto nella fattura di addebito; g) il Cliente, con la
sottoscrizione del contratto, conferisce mandato con rappresentanza a ITP
perché proceda in suo nome e per suo conto a sottoscrivere la comunicazione
di recesso dal precedente fornitore. Il mandato s’intende conferito a titolo
gratuito e con espresso esonero dall’obbligo di rendiconto.
4. SERVIZI DI RETE, MANDATI E RELATIVI CORRISPETTIVI/ONERI
In applicazione di quanto stabilito dalla Del. AEEG n. 111/06, il Cliente conferisce
mandato senza rappresentanza per la sottoscrizione dei contratti di
trasmissione, distribuzione e dispacciamento dell’energia elettrica di cui all’art.4
della citata Del.. Inoltre il Cliente, con la sottoscrizione del presente Contratto, in
applicazione di quanto stabilito dalle delibere AEEG n. ARG/elt 198/11 (“198/11”)
e n. ARG/elt 199/11 (“199/11”), conferisce mandato irrevocabile con
rappresentanza per la sottoscrizione delle Condizioni Tecniche allegate al
Contratto di trasporto, il cui contenuto il Cliente dichiara di conoscere anche
poiché disponibili sul sito www.italpowerenergia.it, consapevole che
l’accettazione delle stesse è condizione necessaria per l’attivazione e il
mantenimento del servizio di trasporto e conferisce mandato irrevocabile senza
rappresentanza per lo svolgimento presso il distributore competente delle
attività di gestione della connessione dei punti di prelievo, richiedendo fin d’ora
l’espletamento di quanto necessario all’attivazione dei punti di prelievo, fermo
restando che il Cliente sarà titolare di ogni rapporto giuridico con il distributore
competente, inerente la connessione alla rete dei propri siti ed impianti.
Eventuali richieste di esecuzione di prestazioni riguardanti servizi inerenti la
connessione dei siti alla rete elettrica, di cui alla Del. n. 198/11 e successive
modifiche ed integrazioni, dovranno essere inoltrate al distributore competente
tramite il Fornitore o soggetto da questi individuato, che opererà in qualità di
mandatario; il Cliente sarà tenuto al pagamento degli importi di competenza del
distributore previsti per le singole prestazioni riportate nell’Allegato C della Del.
n. 199/11 e successive modifiche ed integrazioni e riconoscerà al Fornitore, per
ciascuna richiesta inoltrata al distributore competente, un corrispettivo di
importo pari al contributo in quota fissa previsto della Del. AEEG n. 156/07 all’art.
11 dell’allegato A, e successivi aggiornamenti. A titolo esemplificativo ma non
esaustivo rientrano tra le prestazioni indicate le seguenti: disattivazione della
fornitura su richiesta del cliente finale, voltura, subentro, variazione di potenza di
un sito già attivo. Tale mandato è a titolo gratuito, fatta salva la corresponsione
da parte del Cliente al Fornitore degli importi necessari per l’esecuzione del
mandato e per l’adempimento delle obbligazioni che a tal fine il Fornitore avrà
contratto in proprio nome. Il Fornitore accetta il suddetto mandato attraverso
l’esecuzione delle attività che si rendano necessarie presso il distributore per
l’attivazione dei punti di prelievo. L’incarico cesserà alla data di cessazione per
qualsiasi causa del Contratto. I corrispettivi dovuti al Fornitore per il servizio di
trasporto, comprensivi delle componenti A, UC ed MCT previste dalla Del. n.
199/11 e successive modifiche ed integrazioni, corrispondenti alla opzione
tariffaria fissata dal distributore ed applicata in relazione a ciascun sito, saranno
posti interamente a carico del Cliente. Saranno posti a carico del Cliente tutti i
corrispettivi per il servizio di dispacciamento previsti dalle delibere AEEG n.
111/06 e n. ARG/elt 107/09 (“107/09”) e successive modifiche e integrazioni ed
applicati anche alle perdite di energia elettrica sulle reti di distribuzione, come
definite dalla stessa AEEG, nonché ogni eventuale altro onere e/o costo
accessorio per il mercato nella misura stabilita dall’AEEG ed ogni ulteriore
corrispettivo che dovesse essere in futuro introdotto da Terna, ovvero da altre
Autorità competenti in materia. Il Fornitore si riserva di fatturare un corrispettivo
forfettario non superiore al sette percento del prezzo medio mensile di fornitura,
applicato ai consumi di energia prelevata, comprensivi delle perdite di rete,
riguardo agli sbilanciamenti, di cui alla Del. AEEG 111/06. Il Cliente esonera il
Fornitore da ogni responsabilità riguardante i servizi di trasporto e
dispacciamento, essendo ben consapevole di poter esercitare eventuali diritti
derivanti da tali contratti, esclusivamente nei confronti del distributore e/o del
gestore della rete competente.
5. CONCLUSIONE DEL CONTRATTO E AVVIO DELLA FORNITURA
La Proposta di Fornitura, contenuta nel modulo sottoscritto dal Cliente, s’intende
irrevocabile, ai sensi e per gli effetti dell’articolo 1329 del Codice Civile. Qualora il
Cliente rientri tra le categorie tutelate dal Decreto Legislativo (di seguito “D.
Lgs.”) 6.9.2005, n. 206 (3) (Codice del Consumo) e qualora la conclusione del
contratto sia avvenuta mediante forme di comunicazione a distanza, ovvero fuori
dai locali commerciali, è attribuita la facoltà di recedere senza oneri entro 10
(dieci) giorni lavorativi dalla sottoscrizione della documentazione contrattuale,
inviandone comunicazione mediante raccomandata con avviso di ricevimento (di
seguito “Raccomandata A/R) ad ITP presso la Sua sede operativa in Via Ticino,
8/A – 95027 San Gregorio di Catania (CT). La Proposta è valida dalla data di sua
sottoscrizione e sino a 30 (trenta) giorni dalla data presunta d’inizio fornitura così
come indicato nella “Richiesta di Fornitura”. Scaduto tale temine senza
conclusione del Contratto, la stessa si intende automaticamente inefficace;
nessuna responsabilità, di tipo contrattuale o extracontrattuale, sorgerà in capo
al Fornitore come conseguenza della mancata accettazione della Proposta
presentata dal Cliente, il quale pertanto non avrà nulla a che pretendere nei
confronti del Fornitore in tale ipotesi. Il Contratto si perfeziona o con l’inizio della
fornitura da parte del Fornitore o mediante accettazione espressa con specifica
lettera di benvenuto inviata tramite raccomandata A/R o telefax o e-mail, ovvero mediante consegna in originale attraverso proprio personale commerciale,
agenti, rappresentanti o ai sensi dell’art. 1327 del C.C. Qualora per cause non
imputabili al Fornitore l’attivazione della fornitura per ciascun PdP non fosse
compatibile con la data di decorrenza di attivazione del servizio di trasporto e/o
distribuzione presso i medesimi punti, l’attivazione sarà differita alla prima data
utile.
6. CORRISPETTIVI PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA
Il Cliente s’impegna a corrispondere al Fornitore i corrispettivi per la fornitura
di energia elettrica, scelti dal Cliente tra le opzioni riportate nelle “Condizioni
Particolari di Fornitura” che costituisce parte integrante delle presenti
“Condizioni Generali di Fornitura” e il corrispettivo a remunerazione delle
attività commerciali svolte dal Fornitore, di importo equivalente al valore del
corrispettivo di commercializzazione e vendita per i costi sostenuti da un
operatore sul mercato libero così come definito dall’AEEG nella Del. n. 349/07
e successive modifiche e integrazioni. E’ facoltà del fornitore applicare un
corrispettivo commerciale aggiuntivo a suo insindacabile giudizio e comunque
non superiore al sette percento del prezzo medio mensile di fornitura,
applicato ai consumi di energia prelevata, comprensivi delle perdite di rete. I
corrispettivi unitari (monorari e multiorari) riportati nelle Condizioni
Particolari di Fornitura non sono comprensivi dei costi relativi alle perdite di
energia in rete, quantificate secondo le modalità ed i criteri stabiliti dall’AEEG,
e pertanto saranno applicati alla totalità dell’energia elettrica in riconsegna
aumentata delle relative perdite. In caso di sostituzione del misuratore
monorario con uno multiorario (tipo GME) o nel caso in cui il distributore
rendesse disponibili i prelievi aggregati in fasce, i corrispettivi applicati
saranno quelli relativi ai siti multiorari articolati sulle tre fasce (F1, F2 ed F3).
Il Cliente per tutto il periodo di efficacia del Contratto, conferisce in esclusiva
mandato irrevocabile e gratuito al Fornitore, o a idonei soggetti da questa
individuati, per la partecipazione all’assegnazione di capacità
d’interconnessione con l’estero e/o alle assegnazione di coperture dal rischio
associate ai differenziali di prezzo tra le zone e per l’assegnazione di bande di
capacità produttiva nazionali (c.d. energia cip6) su base annuale e/o per
periodi temporali di durata inferiore; quindi i corrispettivi unitari comprendono
il vantaggio conseguibile dal Fornitore, relativamente ad assegnazioni di
energia CIP6 e di energia di importazione che resterà di titolarità di
quest’ultima nella misura definita dall’AEEG ovvero da altre istituzioni
competenti in materia. Tutti i corrispettivi previsti dal Contratto ed inerenti la
fornitura non comprendono i costi di gestione amministrativa pari a 2,5 €/PdP,
i costi relativi al recepimento della direttiva europea 2003/87/CE e quelli
conseguenti all’applicazione del D.Lgs n. 79/99 – art. 11 così come
successivamente modificato, che saranno calcolati ed applicati
separatamente e sono da considerarsi al netto di qualsiasi diritto, tributo,
imposta e relative addizionali presenti e future i cui oneri sono a carico del
Cliente, salvo che non siano espressamente posti, dalla legge o dal Contratto
a carico del Fornitore e senza facoltà di rivalsa. Salvo diverse disposizioni di
legge o regolamentari, il Fornitore effettuerà le dichiarazioni di legge e i
relativi pagamenti presso gli UTF e/o Dogane competenti. Il Contratto è
soggetto a registrazione soltanto in caso d’uso ed in misura fissa; l’imposta di
bollo è a carico del Fornitore.
7. MISURA
Il Distributore competente è l’unico responsabile della misura dell’energia
elettrica e della potenza, motivo per il quale il Cliente potrà far valere ogni
eccezione e/o pretesa inerente la misura, solo nei confronti de l Distributore.
8. FASCE ORARIE
Le fasce orarie F1, F2 ed F3 sono definite in conformità a quanto previsto
nella Del. AEEG n. 181/06 e successive modifiche ed integrazioni. Le fasce
orarie Peak ed Off Peak sono così definite: ore di “Peak” sono le ore comprese
tra le 08:00 e le 20:00 di tutti i giorni dell’anno dal lunedì al venerdì; ore di
“Off-Peak” sono le ore comprese tra le 00:00 e le 08:00 e tra le 20:00 e le
24:00 di tutti i giorni dal lunedì al venerdì e tutte le ore del sabato e della
domenica dell’intero anno. Le ore “Piene” sono la somma di F1 ed F2 cosi come
sopra definite; ore “Vuote” sono le ore di F3 così come sopra definite. Resta
inteso che ai fini della fatturazione per i PdP dotati di misuratore atto a
rilevare esclusivamente i consumi per fasce orarie i consumi saranno fatturati
come ore “Piene” ed ore “Vuote” così come sopra definite.
9. FATTURAZIONE E PAGAMENTI
La fatturazione per la fornitura di energia elettrica è effettuata con cadenza
mensile; tale periodicità potrà essere variata dal Fornitore previa
comunicazione specifica al Cliente, anche con nota in fattura, con effetto dal
primo ciclo utile di fatturazione successivo. Nel caso in cui non dovessero
rendersi disponibili i dati di misura dell’energia elettrica prelevata dal Cliente,
forniti dal distributore, il Fornitore si riserva la facoltà di fatturare in acconto
la fornitura valutata in base alla stima del prelievo complessivo del sito per il
periodo di competenza. L’eventuale conguaglio potrà essere effettuato di
norma con il primo ciclo utile di fatturazione successivo. Il Cliente s’impegna
ad effettuare i pagamenti di quanto fatturato entro 15 (quindici) giorni data
fattura, accreditando i relativi importi sul conto corrente bancario comunicato
dal Fornitore. L’accredito sul conto corrente bancario del Fornitore costituisce
l’unica modalità di adempimento delle obbligazioni di pagamento del Cliente e
a tal fine, contestualmente alla sottoscrizione del Contratto, il Cliente
consegna al Fornitore copia del modulo di domiciliazione bancaria (SEPA
DIRECT DEBIT, di seguito solo SDD) con timbro di avvenuta presentazione. Il
Cliente s’impegna a non revocare la domiciliazione bancaria per l’intera durata
del Contratto. Qualora l’intervallo di tempo intercorrente tra la data di
emissione della fattura ed il termine per il pagamento sopra indicato
risultasse inferiore a quindici giorni, la data di scadenza del termine per il
pagamento si intende automaticamente posticipata al quindicesimo giorno
successivo alla data di emissione della fattura. È facoltà del Fornitore cedere
in tutto in parte i crediti derivanti dalla fornitura di energia elettrica di cui al
presente Contratto; in tale caso il Cliente con la sottoscrizione del presente
Contratto presta sin d’ora la propria accettazione a tale cessione. Il
pagamento delle fatture emesse non può essere differito o ridotto neanche in
caso di contestazione, né può essere compensato con eventuali crediti che il
Cliente può vantare nei confronti del Fornitore. In caso di omesso, parziale o
ritardato pagamento delle fatture o in caso di revoca della domiciliazione
bancaria, fermo restando l’applicazione degli interessi di mora computati ai
sensi dall’Art. 5 del D. Lgs. n. 231 del 9/10/2002 ed al rimborso delle spese
amministrative e di gestione pari a 27,00 €/PdP (ventisette/00), il Contratto
si risolverà automaticamente ai sensi dell’art. 1456 c.c. Resta salva la facoltà
del Fornitore, in pendenza della dichiarazione di volersi avvalere della
clausola risolutiva espressa, di inviare al Cliente constatazioni d’intervenuto
inadempimento al fine di consentire eventualmente al cliente di ripristinare la
corretta esecuzione del contratto.
Successivamente alla cessazione della fornitura per qualsiasi causa
intervenuta, al Cliente saranno, altresì, addebitati o accreditati gli eventuali
importi conseguenti a rettifiche o conguagli di fatturazione anche in base alla
lettura finale da parte del distributore. Il Cliente che si trovi nelle condizioni
per richiedere l’applicazione dell’IVA ridotta al 10%, dovrà rendere apposita
dichiarazione alla data di sottoscrizione del Contratto. Analogamente, il
Cliente che si trovi nelle condizioni per richiedere l’emissione di fatture senza
applicazione dell’IVA, ai sensi e per gli effetti degli artt. 8, comma 2 e 8-bis,
comma 2 del D.P.R. 26.10.1972 n. 633, dovrà fornire idonea Dichiarazione
d’Intento nei modi e nelle forme previste dalle disposizioni fiscali. La suddetta
Dichiarazione d’Intento dovrà essere prodotta all’atto della sottoscrizione del
Contratto per l’anno in corso, o comunque entro il mese precedente quello
d’inizio del termine di validità della stessa. Il Cliente s’impegna a comunicare,
in tempo utile, immediatamente per iscritto il venir meno delle condizioni per
l’applicazione dell’IVA ridotta o eventuale revoca della Dichiarazione
d’Intento.
10. SOSPENSIONE PER MOROSITÀ
Indipendentemente dalla risoluzione del contratto, nel caso in cui il cliente
non provveda al pagamento della fattura inviata dal Fornitore entro i termini
indicati nella medesima fattura, è diritto del Fornitore attivare la procedura di
messa in mora secondo i termini e le modalità previste dal comma 16.1
dell’Allegato A alla deliberazione AEEG 258/2015/R/COM di seguito
denominato TIMOE. Il Fornitore decorso il termine di scadenza di pagamento
indicata nei documenti di fatturazione avrà il diritto:
a) di attivare le procedure previste in caso di morosità del cliente e, decorsi 10
giorni solari dal ricevimento da parte dell’esercente la vendita, della ricevuta
di avvenuta consegna al Cliente finale della comunicazione di costituzione in
mora trasmessa tramite posta elettronica certificata (PEC), o decorsi 15 giorni
solari dalla ricezione da parte di quest’ultimo della raccomandata di messa in
mora, oppure decorsi 20 giorni solari dalla data di emissione della lettera di
costituzione in mora, in caso di mancato pagamento, di intraprendere la
procedura di sospensione della fornitura, previa eventuale riduzione della
potenza. Solo per i Clienti finali connessi in bassa tensione qualora sussistano
le condizioni tecniche del misuratore, prima della sospensione della fornitura,
verrà effettuata una riduzione della potenza ad un livello pari al 15% della
potenza disponibile e decorsi 15 giorni dalla riduzione della potenza
disponibile in caso di mancato pagamento da parte del cliente finale, verrà
effettuata la sospensione della fornitura; b) di richiedere all’impresa
distributrice, in caso di morosità del cliente, la sospensione della fornitura di
energia elettrica per uno o più punti di prelievo nella titolarità del medesimo
cliente, qualora sia decorso un termine comunque non inferiore a 3 giorni
lavorativi dalla scadenza del termine di pagamento di cui al precedente
capoverso a); c) di richiedere al cliente finale il pagamento del corrispettivo di
sospensione e di riattivazione della fornitura nel limite dell’ammontare
previsto dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas. Il Cliente potrà
comunicare l’avvenuto pagamento delle somme dovute inviando l’evidenza (n. di CRO del bonifico) al numero di fax indicato nelle comunicazioni di messa in
mora. Il Cliente, infine, avrà diritto ad un indennizzo automatico, per un
importo pari a: a) euro 30 (trenta) nel caso in cui la fornitura sia stata sospesa
per morosità o sia stata effettuata una riduzione di potenza di cui al comma
3.5 del TIMOE nonostante il mancato invio della comunicazione di
costituzione in mora a mezzo raccomandata; b) euro 20 (venti) nel caso in cui
la fornitura sia stata sospesa per morosità o sia stata effettuata una riduzione
di potenza di cui al comma 3.5 TIMOE nonostante alternativamente: 1. il
mancato rispetto del termine ultimo entro cui il cliente è tenuto a provvedere
al pagamento; 2. il mancato rispetto del termine massimo tra la data di
emissione della comunicazione di costituzione in mora e la data di consegna al
vettore postale qualora l’esercente la vendita non sia in grado di documentare
la data di invio; 3. il mancato rispetto del termine minimo tra la data di
scadenza del termine ultimo di pagamento e la data di richiesta all’impresa
distributrice per la sospensione della fornitura. Nei 90 giorni successivi alla
data dell’ultima richiesta di sospensione della fornitura per morosità come
previsto al comma 3.4 del TIMOE, qualora la controparte commerciale nel caso
specifico Italpower Energia, proceda con una nuova comunicazione di
costituzione in mora relativa a fatture non contemplate nella precedente
comunicazione cui sia seguita la richiesta di sospensione della fornitura, i
termini di cui al comma 3.2 non possono comunque essere relativamente al
termine di pagamento di cui al 3.2 lettera a, inferiori a 7 giorni solari dall’invio
della raccomandata, oppure inferiori a 5 giorni solaridal ricevimento della
ricevuta di avvenuta consegna al cliente finale della comunicazione di
costituzione in mora trasmessa tramite posta elettronica certificata, oppure
inferiore a 10 giorni solari dalla data di emissione della cominicazione
suddetta qualora la controparte commerciale non sia in grado di documentare
la data di invio della comunicazione di costituzione in mora.
Italpower Energia rende altresì noto di non essere utente del trasporto e del
dispacciamento, pertanto il presente contratto così come stabilito dal TIMOE
resterà condizionato risolutivamente al verificarsi delle condizioni previste al
comma 22.3 del medesimo testo normativo. Al verificarsi di tali condizioni il
contratto di fornitura di energia elettrica continuerà ad essere eseguito in
coerenza coi termini previsti dall’art. 5 della deliberazione A RG/elt 42/08 e la
fornitura verrà comunque garantita da parte dell’esercente la maggior tutela
ovvero dall’esercente la salvaguardia.
11. GARANZIE DI PAGAMENTO
Qualora durante l’esecuzione del presente contratto il Fornitore costatasse, a
suo insindacabile giudizio, un livello di affidabilità e solvibilità non adeguati
del Cliente e/o dovesse presentarsi una non completa affidabilità e/o
regolarità nei termini di pagamento, sarà facoltà del Fornitore chiedere al
Cliente il rilascio di una fideiussione o di un deposito a garanzia del contratto
di fornitura pari ad un ammontare non inferiore a quanto stimato per tre mesi
di fornitura completa e non superiore a quanto dovuto per sei mesi di
fornitura completa. In tal caso il Cliente dovrà fornire entro 15 (quindici) giorni
dalla richiesta del Fornitore una fideiussione bancaria rilasciata da primario
istituto di credito, escutibile a prima richiesta o un deposito, di importo pari a
quanto richiesto dal Fornitore. Detta
fideiussione o detto deposito resteranno in vigore per tutta la durata del
Contratto e per i cinque mesi successivi alla scadenza dello stesso ed
opportunamente rinnovate in caso di tacito rinnovo del Contratto.Qualora la
fideiussione di cui ai precedenti commi venisse escussa in tutto od in parte dal
Fornitore o il deposito venisse in tutto o in parte incamerato a seguito
dell’inadempimento del Cliente, il Cliente sarà tenuto a ricostituire la
fideiussione per l’intero ammontare di cui al primo comma del presente
articolo. Qualora il Cliente non rilasciasse o non ricostituisse la fideiussione o
il deposito ai sensi dei commi che precedono, il Fornitore avrà diritto di
recedere dal presente contratto ai sensi dell’art. 1373 codice civile con un
preavviso di trenta giorni.
12. GARANZIE DELLA FORNITURA
Il Fornitore garantisce al Cliente la fornitura dell’energia elettrica necessaria
a soddisfare interamente i fabbisogni del/i sito/i con le modalità ed alle
condizioni pattuite con il presente Contratto. Le interruzioni temporanee,
totali o parziali della fornitura di energia elettrica, non comporteranno alcun
obbligo di indennizzo o risarcimento né potranno costituire motivo di
risoluzione del Contratto, in quanto inerenti aspetti e problematiche tecniche
di competenza del distributore di rete locale. Gli aspetti tecnici, concernenti la
consegna dell’energia elettrica oggetto del presente Contratto quali, a titolo
esemplificativo: tensione e frequenza, forma d’onda, continuità del servizio,
microinterruzioni, buchi di tensione, gestione del collegamento del Cliente alla
rete elettrica, restano di esclusiva competenza del Distributore Competente
alla quale i siti risultano collegati e nei confronti esclusivi del quale il Cliente
potrà rivolgere eccezioni e/o richieste anche di risarcimenti. Il Cliente si
obbliga a tenere indenne e a manlevare il Fornitore per ogni contestazione o
pagamento di oneri o danni che dovessero derivare allo stesso nell’ambito
dell’espletamento dei servizi di cui al Contratto e che dipendano da fatti o
comportamenti del Cliente.
13. DECORRENZA, DURATA, EFFICACIA DEL CONTRATTO E RECESSO
Gli effetti del presente Contratto decorreranno, per i siti del Cliente che sono
attualmente sul mercato regolato (maggior tutela o salvaguardia), dal primo
giorno del secondo mese successivo a quello della sua sottoscrizione, qualora
il Fornitore riceva nei tempi previsti dalla normativa di settore la
documentazione contrattuale completa debitamente sottoscritta, mentre per
i siti già alimentati sul libero mercato, il Cliente dichiara di aver provveduto a
risolvere il precedente contratto di fornitura e che è quindi libero da qualsiasi
impegno contrattuale con il precedente fornitore e pertanto la fornitura
decorrerà a partire dal termine del precedente contratto che il Cliente
comunicherà al Fornitore, salvo eventi non dipendenti dalla volontà del
Fornitore. La decorrenza effettiva della fornitura, nei tempi prima riportati,
sarà comunque subordinata al ricevimento da parte del Fornitore di tutti i
documenti contrattuali, debitamente compilati e sottoscritti in ogni parte,
compatibilmente con il rispetto dei termini previsti dalla normativa vigente
per l’acquisizione di nuove forniture. I corrispettivi unitari riportati nelle
Condizioni Particolari di Fornitura hanno validità di dodici mesi dall’attivazione
della fornitura, salvo che il periodo di validità non venga espressamente
modificato da quanto riportato sempre nelle Condizioni Particolari di
Fornitura. Il Contratto ha durata di dodici mesi dall’inizio della fornitura e si
rinnoverà tacitamente alla scadenza per ulteriori dodici mesi, anche in caso di
successivi taciti rinnovi, salvo disdetta di una delle parti da inviarsi a mezzo
raccomandata A/R con un preavviso di almeno 12 mesi. Per i soli siti
alimentati in bassa tensione, il Cliente ha facoltà di recedere dal Contratto
unilateralmente, in qualunque momento e senza oneri, inviando
comunicazione scritta al Fornitore a mezzo raccomandata A.R. e/o PEC anche
per il tramite del nuovo fornitore in base a quanto previsto dall’allegato A alla
Del. AEEG n. 144/07 e successive modifiche e integrazioni. In particolare, per
i soli siti alimentati in bassa tensione, il termine di preavviso è di tre mesi
decorrenti dal primo giorno del mese successivo a quello di ricevimento della
relativa comunicazione da parte del Fornitore. Per i siti alimentati in media o
alta tensione o per clienti alimentati in bassa tensione ma con almeno un
punto di prelievo alimentato in media o alta tensione le Parti concordano di
non poter recedere dal presente contratto, anche in caso di tacito rinnovo.
Qualora il Cliente eserciti il diritto di recesso non al fine di cambiare fornitore,
ma al fine di cessare la fornitura ed i contratti ad essa collegati, inoltra
direttamente il recesso al proprio Fornitore. A partire dal tredicesimo mese di
fornitura saranno automaticamente applicati i corrispettivi per fascia oraria
del Prezzo Unico Nazionale come definito all’Art. 30 della Del. AEEG n. 111/06
maggiorati di 0,015 €/kWh. Con un preavviso non inferiore a tre mesi rispetto
alla decorrenza della relativa validità, ai sensi della Del. AEEG n. ARG/com
104/10, il Fornitore potrà proporre nuovi corrispettivi e condizioni validi per i
successivi periodi di fornitura, dandone evidenza al Cliente eventualmente
anche tramite comunicazione in fattura. Fatta salva prova contraria, le
comunicazioni di cui al presente articolo, inviate dal Fornitore, si presumono
ricevute dal Cliente trascorsi dieci giorni dall’invio effettuato dal Fornitore
stesso. Entro 30 (trenta) giorni dal ricevimento dell’informazione, il Cliente
avrà diritto di recedere dal contratto inviando formale disdetta. Il recesso
diverrà efficace alle ore 24:00 del giorno precedente a quello in cui le
modificazioni avrebbero trovato altrimenti applicazione. Qualora il Cliente non
comunichi la volontà di recedere e/o non compia quanto necessario per la
liberazione del fornitore nei termini indicati, le variazioni contrattuali si
daranno per accettate. Qualora il Contratto dovesse interrompersi prima della
sua naturale scadenza per fatto e/o colpa del Cliente, questi dovrà
corrispondere al Fornitore un corrispettivo unitario pari a 0,02 euro/kWh
applicato all’energia relativa periodo intercorrente tra il mese di interruzione
anticipata del Contratto e il termine dello stesso così come individuato nel
presente articolo. Tale energia sarà individuata calcolando il prelievo mensile
come media dei due mesi di maggiore consumo fatturati e moltiplicandolo per
il numero di mesi mancanti.
14. RESPONSABILITÀ
Ai sensi dell’art. 2 comma 5 del D.Lgs. 79/99 il Fornitore non risponde di
eventuali danni arrecati dall’energia elettrica in quanto essa è persona
giuridica che acquista e vende energia elettrica senza esercitare attività di
produzione, di trasmissione e di distribuzione che sono attività svolte da altri
soggetti. ll Fornitore non è responsabile dell’eventuale inadeguatezza degli
impianti del Cliente rispetto le vigenti leggi antinfortunistiche ed a specifiche
norme tecniche.
15. IMPOSSIBILITA’ SOPRAVVENUTA
Qualora, dopo la sottoscrizione del presente Contratto, intervengano
provvedimenti di pubbliche Autorità che rendano al Fornitore, in tutto o in
parte, impossibile l’adempimento degli obblighi posti a suo car ico, il Fornitore ne darà tempestiva comunicazione al Cliente. Se l’impossibilità sopravvenuta
attiene all’intera prestazione, a decorrere dalla data indicata nella
comunicazione del Fornitore, e comunque in un tempo non inferiore a 45
giorni (quarantacinque) di calendario, il presente Contratto si intenderà
risolto. Se l’impossibilità sopravvenuta è parziale, il Fornitore,
contestualmente alla comunicazione di cui sopra, potrà recedere dal
Contratto, con un termine di preavviso di 60 giorni. Nel caso in cui il Fornitore
non abbia esercitato il diritto di recesso il Contratto continuerà ad avere
esecuzione per la parte rimasta eseguibile, fatta salva la facoltà del Cliente di
recedere, con un termine di preavviso di 60 giorni, nei casi previsti dall’art.
1464 c.c.. L’eventuale dichiarazione di recesso dovrà essere comunicata al
Fornitore dal Cliente, entro 15 giorni dal ricevimento della comunicazione di
cui al primo comma del presente articolo.
16. FORZA MAGGIORE
Il Fornitore non è responsabile per qualsiasi inadempimento dovuto a causa di
forza maggiore. A titolo meramente esemplificativo s’ intendono compresi
eventi non previsti né prevedibili e dipendenti da fatti naturali o di terzi che
non sia stato possibile impedire usando la normale diligenza, e tali da rendere
impossibile in tutto o in parte l’adempimento delle obbligazioni assunte.
17. CLAUSOLA RISOLUTIVA ESPRESSA
Ai sensi dell’Art. 1456 del Codice Civile Italpower Energia ha facoltà di
provocare la risoluzione del presente contratto, tramite invio di apposita
raccomandata A/R nei seguenti casi: 1) inizio di un’azione di un procedimento
per la messa in liquidazione o di una procedura concorsuale a carico del
Cliente; 2) interruzione o sospensione delle attività produttive del Cliente; 3)
inefficacia del Contratto di Dispacciamento o del Contratto di Trasporto per
cause non imputabili a Italpower Energia; 4) impossibilità di procedere alla
somministrazione di energia elettrica a causa di impedimenti di natura tecnica
e/o normativanon imputabili a Italpower Energia; 5) mancata autorizzazione o
revoca da parte del Cliente, ovvero dell’Istituto bancario, della
domicilizzazione bancaria (SDD); 6) in caso di ritardo nei pagamenti delle
fatture superiori a giorni quindici (15) dalla data di scadenza della fattura da
parte del Cliente; 7) insolvenza dichiarata del Cliente, ovvero iscrizione dello
stesso nel registro dei protesti e sottoposizione a procedure esecutive; 8)
mancato rilascio, ove richiesto, della garanzia ovveromancata ricostituzione
nei termini previsti,in tale ipotesi Italpower Energia avrà in ogni caso diritto al
riconoscimento del danno. Ciascuna parte ha facoltà di risolvere il Contratto
senza preavviso nè indennizzoalcuno, in caso di forza maggiore.
Analogamente le parti non sono tra loro responsabili per qualsiasi
inadempimento dovuto a cause di forza maggiore o comunque a cause che
sono indipendenti dalla volontà delle stesse, le quali rendono in tutto o in
parte impossibili gli adempimenti degli obblighi posti a loro carico.
18. RECEPIMENTO, INTEGRAZIONI E MODIFICHE DEL CONTRATTO
S’intendono automaticamente inserite nel presente Contratto eventuali
clausole e/o condizioni obbligatoriamente imposte da leggi, provvedimenti
normativi, regolamentari di Pubbliche Autorità o di altri soggetti competenti.
È altresì attribuita al Fornitore la facoltà di ribaltare sul Cliente eventuali
futuri costi e/o oneri derivanti da leggi, provvedimenti normativi,
regolamentari di Pubbliche Autorità o di altri soggetti competenti. Parimenti
si intendono implicitamente abrogate le clausole del presente Contratto che
risulteranno incompatibili con le condizioni obbligatoriamente imposte ai
sensi della precedente alinea. L’eventuale nullità o invalidità di una o più
clausole del presente Contratto non comporterà l’invalidità dell’intero
accordo. Inoltre ove sopraggiungano provvedimenti di Pubbliche Autorità del
settore elettrico e non, e/o modifiche del sistema tariffario che comportino
variazioni sostanziali delle condizioni economiche in base alle quali il
Contratto è stato concluso e/o si presentino evoluzioni del mercato differenti
rispetto a quelle iniziali, il Fornitore avrà facoltà di proporre al Cliente
modifiche al Contratto, a valere dall’inizio del terzo mese successivo rispetto
alla data della loro comunicazione, comunicandole in forma scritta anche
mediante apposita nota/avviso in fattura. Quest’ultimo, in caso di dissenso,
avrà facoltà di comunicare entro 30 (trenta) giorni, mediante l ettera
raccomandata A.R., il proprio recesso dal Contratto di fornitur a, senza oneri, a
valere dalla fine dall’ultimo giorno precedente quello in cui le modifiche
avrebbero avuto corso. In difetto di tale comunicazione da parte del Cliente,
entro il menzionato termine, le nuove condizioni di fornitura si intenderanno
da quest’ultimo espressamente accettate e costituiranno integrazione del
presente Contratto.
19. CESSIONE DEL CONTRATTO
Il Fornitore potrà cedere il presente Contratto a soggetto che sia in grado di
svolgere il medesimo servizio ed il Cliente, ai sensi e per gli effetti dell’art.
1407 c.c., presta sin da ora il suo consenso. Il Cliente potrà cedere il presente
Contratto solo previa accettazione scritta del Fornitore.
20. RISERVATEZZA
Le Parti manterranno riservate e confidenziali le informazioni di natura
tecnica, commerciale o industriale delle quali siano, comunque, venuti a
conoscenza in ragione del presente Contratto. Le Parti s’impegnano altresì a
non divulgare tali informazioni a soggetti terzi, sia durante la vigenza del
Contratto che per i successivi cinque anni. Il Fornitore potrà comunque citare
il Cliente, l’area merceologica e l’area territoriale in cui esso opera nella
propria pubblicità o, comunque, a fini promozionali. Parimenti il Cliente potrà
rendere noto a terzi che le loro forniture sono assicurate dal Fornitore,
mantenendo però rise particolari tecnici, economici e commerciali. Ai sensi
dell’art. 13 del d.lgs. 196/03 s’informa che i dati di base sono acquisiti presso
le imprese distributrici ai sensi ai sensi della Del. dell’AEEG n. 157/07 che
prevede che i venditori di energia elettrica e di gas naturale possano avere
accesso a tali dati per formulare offerte commerciali e gestire contratti di
fornitura. Si rammenta che: a) Tali dati non possono essere utilizzati per
contatti telefonici o telematici né per promozioni relative ad altri prodotti e
non possono essere comunicati a terzi; b) L’interessato può opporsi all’utilizzo
dei dati in questione comunicando la propria intenzione all’impresa
distributrice, che in tal caso non potrà comunicare i dati ai venditori o al
venditore stesso all’indirizzo sotto riportato. Nel caso in cui il contratto di
fornitura non venga stipulato, i dati vengono cancellati entro sei mesi dalla
data in cui sono stati acquisiti e comunque non oltre il 31 dicembre di ogni
anno. I dati personali raccolti in occasione della stipula del contratto e nel
corso della sua vigenza sono trattati allo scopo di adempiere agli obblighi
contrattuali, fiscali e di legge. Il conferimento dei dati è facoltativo ma
l’eventuale rifiuto di fornire i dati può impedire la stipula del contratto o la sua
esecuzione. Il trattamento riguarda, qualora applicabile, anche il dato relativo
al “bonus sociale gas” per consentire le detrazioni previste dalla disciplina
normativa. I dati sono conservati su supporto informatico e cartaceo e vi
hanno accesso i dipendenti del Titolare che allo scopo sono stati incaricati del
trattamento. I dati sono comunicati all’Agente di riferimento indicato nella
“Nota Informativa per il Cliente” ed il Fornitore si riserva la facoltà di
trasmetterli a società di recupero crediti per gli adempimenti inerenti la
gestione del contratto: Ai sensi dell’art. 7 del d.lgs. 196/03, l’interessato ha
diritto ad avere conferma dell’esistenza di dati che lo riguardano, di rettificarli
o aggiornarli, di cancellarli e di opporsi all’invio di proposte commerciali. Per
l’esercizio di tali diritti può rivolgersi al responsabile dei dati Privacy presso la
sede del titolare. Titolare dei trattamenti è ITP che si riserva la facoltà di
nominare i fornitori di servizi in outsourcing responsabili del trattamento.
L’elenco aggiornato è disponibile presso il Titolare. Con la sottoscrizione delle
Condizioni Generali il Cliente acconsente al trattamento dei dati in questione,
in particolare alla comunicazione dei dati all’Agente di riferimento per la
gestione del contratto.
21. DICHIARAZIONE DELLE PARTI
Le Parti dichiarano che quanto previsto dal presente Contratto corrisponde a
ciò che è stato pattuito nelle eventuali trattative preliminarmente intercorse,
essendo privo di validità ogni altro accordo non recepito dal presente
Contratto. Tutta l’eventuale corrispondenza precedente la conclusione del
presente Contratto, in contrasto con lo stesso, si intende supe rata.
22. COMUNICAZIONI E PROCEDURA DI RECLAMO
Tutte le comunicazioni riguardanti il Contratto devono essere fatte per
iscritto, contenere, in maniera chiara ed univoca, i riferimenti del Cliente e del
sito di fornitura (es. POD) ed inviate a mezzo posta al seguente indirizzo Via
Ticino 8/A – 95027 San Gregorio di Catania (CT) e a mezzo fax al numero verde
800 913 730. Il Fornitore si riserva di inviare le comunicazioni anche con nota
in fattura. Restano salve le previsioni di cui al Contratto che prevedono una
specifica modalità di comunicazione. Eventuali reclami e richieste scritte
d’informazioni possono essere inoltrati ai recapiti citati. Per maggiori
informazioni sui diritti dei consumatori si può consultare il sito
www.autorita.energia.it.
23. LEGGE APPLICABILE E FORO COMPETENTE
La legge applicabile al presente Contratto è quella italiana e la competenza,
per ogni eventuale controversia concernente la sua interpretazione, validità
e/o esecuzione, è in via esclusiva del Foro di Catania